Auraderma

Dermatiti da Pannolino

L’ambiente umido in cui sta il sederino può essere causa di dermatiti, perciò va tenuto ben pulito e protetto con creme emollienti.

Il sederino arrossato e irritato è un problema comune nei neonati e nei bambini che portano il pannolino. La dermatite da pannolino si presenta con arrossamenti più o meno estesi e nei casi più gravi con gonfiori e macerazione della pelle del sederino del bimbo, a questi si associano sintomi con bruciore e/o prurito molto fastidiosi per il piccolo.

La causa è data dallo sfregamento del pannolino contro la pelle e dal ristagno delle urine o delle feci. Nella maggior parte dei casi la dermatite da pannolino è transitoria e non allarmante. Tuttavia, non deve essere sottovalutata perché a volte può sfociare in infezioni batteriche e micotiche.

Come riconoscerla

La dermatite da pannolino è una forma di infiammazione cutanea che si manifesta con un insieme di chiazze di colore rosso acceso sul sederino del bambino. Se l’irritazione permane per troppi giorni e non accenna a schiarire con le cure topiche è necessario rivolgersi a uno specialista per valutare l’eventuale presenza di infezioni batteriche o candida.

La formazione di pus o la manifestazione di febbre sono segni inequivocabili della presenza di infezione. In questi casi rivolgersi subito al pediatra o al dermatologo.

Come curare la dermatite da pannolino

Bisogna  tenere la pelle del bambino asciutta e pulita, quindi con cambi frequenti del pannolino. Solo questo può bastare a risolvere il problema delle forme lievi. Per una guarigione più veloce si possono applicare creme lenitive , poco aggressive, che curano la dermatite e attenuano il fastidio del bambino, talvolta nei casi resistenti è necessario l’utilizzo di creme al  cortisone.

Nel caso di sovrainfezioni  batteriche o da funghi (candida), si utilizzano terapie topiche con antibiotici o antimicotici. Le terapie sistemiche si utilizzano solo in casi estremi resistenti alle terapie locali.

Consigli

Per prevenire la dermatite da pannolino o curare forme lievi che non necessitano l’applicazione di farmaci topici si consigliano queste buone pratiche:

  • Cambiare spesso il pannolino per evitare il contatto prolungato della pelle con l’urina o con le feci.
  • Evitare l’uso frequente di salviette umidificate o detergenti aggressivi. L’acqua è spesso il metodo migliore per pulire il bambino senza irritare la sua pelle delicata, in alternativa utilizzare detergenti delicati, (ad esempio l'olio idorsolubile O3 o il bagnodoccia Sensitive)
  • Quando possibile, anche per brevi momenti, lasciate il bimbo senza pannolino per consentire alla pelle di aerare.
  • Asciugate bene il sederino dopo il cambio del pannolino, per evitare che la pelle rimanga umida. Ma fate attenzione a non sfregare l’asciugamano contro la pelle, è preferibile tamponare.
  • Utilizzare creme o paste protettive e lenitive, (ad esempio l'olio eudermicoO3)

 
Per offrirti il miglior servizio possibile Bioallergen utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies. [Accetto]